I conti

-in aggiornamento-

PORCIA ED I SUOI CONTI: DUE STORIE CHE SI INTRECCIANO

“Questo è castello grosso, benissimo accasato e con acque assai, case civili e ben abitate: vi sono dottori e nodari assai; vi sono belli palazzi de conti e due bellissime torri, una delle quale si dice esser antica di più di 1600 anni”. (Girolamo di Porcia, Descrizione della Patria del Friuli).

Origine dei conti di Porcia

Bibliografia

– P. C. BEGOTTI, I signori di Porcia, “Le Tre Venezie”, 2 (2003), 21-24.

– F. COLUSSI, Musica e musicisti a Porcia e per i Porcia dal XV al XVII secolo. Spigolature e annotazioni, “Atti dell’Accademia San Marco”, 10 (2008), 465-514.

– A DEL COL, La riforma a Porcia nel Cinquecento, “Le Tre Venezie”, 2(2003), 58.

– A. DE PELLEGRINI, Cenni storici sul castello di Porcia, Porcia 1925.

– L. GIANNI, Memorie di pre Antonio da Porcia, governatore di Fanna (1508-1532), “Atti dell’Accademia San Marco”, 10 (2008), 9-168.

– P. GOI, La pittura a Porcia dal Duecento al Novecento, Porcia 1989.

– A. ROMOR, Porcia passo passo, Porcia 2008.

– A. SCALA, Un eclettico protagonista dell’umanesimo pordenonese. Il conte Jacopo di Porcia (1462-1538), “La Loggia”, 7 (2004), 113-123.