S Agnese

Chiesetta di S. Agnese – Loc. Roraipiccolo

In località Rorai Piccolo, in posizione decentrata rispetto all’insediamento urbano, sorge la chiesetta di S.Agnese.
La costruzione dell’antica cappella campestre pare risalire al XIII secolo, forse su un sito di epoca romana, come testimoniano i reperti ritrovati nella zona, alcuni dei quali esposti all’interno dell’edificio sacro. Della costruzione più antica rimangono la facciata, la parete settentrionale, l’arco trionfale e l’abside. Recentissimi restauri l’hanno riportata all’antica struttura con la ricostruzione dietro pianta originaria di un porticato prospiciente la facciata.
La chiesetta si presenta a navata rettangolare con tetto a capanna e capriate a vista; presbiterio a base trapezoidale con volta a botte; porta principale rettangolare senza inquadratura con architrave in legno; campanile a torre incorporato alla facciata, quattro monofore a tutto sesto detto a padiglione.

Al suo interno si trovano affreschi databili a partire dal secolo XIII fino al secolo XVI. Notevole la raffigurazione dell’Eterno Padre in gloria con la Madonna e il Bambino in trono tra le sante Agnese e Caterina d’Alessandria che viene attribuita a Pomponio Amalteo (1509).
Altro affresco del sec. XVI rappresenta la Madonna con Bambino fra i santi Rocco e Sebastiano e la figura di un devoto (1529). Durante i lavori di restauro dell’altare maggiore eseguiti nel 1950, fu scoperta una croce “Enkolpion” in bronzo dorato di fattura bizantina e riferibile alla fine del sec. XII. La croce a due valve era custodita all’interno della mensa dell’altare e racchiudeva alcuni lembi di stoffa, veniva appesa al collo e usata come reliquiario. Attualmente si può ammirarne la copia nella bacheca all’interno della chiesa