proporcia.it ProPorcia Cittą Attivitą Calendario Novitą Foto Link home
 
Premio Purlilium
Carnevale
Rievocazione della battaglia napoleonica
Festa della trebbiatura
Estate in villa
Artisti sotto le stelle
Festa della vendemmia
Fiera degli Uccelli
Mostra dei Presepi
Rosso Natale
Ufficio turistico
     
 
Rievocazione della battaglia napoleonica

A partire dal 2006, in collaborazione con l’Associazione Studi Napoleonici 26 maggio 1805, l’Associazione Proporcia propone, nei primi giorni del mese di maggio, la rievocazione della battaglia detta “dei Camolli” o “di Sacile”, svoltasi nel territorio compreso tra Pordenone e Sacile il 16 aprile 1809.
Questo scontro, che vide contrapposte l’Armata Franco-Italiana di Eugenio di Beauharnais, Vicerè del Regno d’Italia e figliastro di Napoleone e quella Austriaca, guidata dall’Arciduca Giovanni, fratello dell’Imperatore Francesco I d’Asburgo, coinvolse circa 75.000 uomini di entrambi gli schieramenti e si concluse con almeno 7-8.000 caduti, circa 10.000 feriti (molti dei quali deceduti nei giorni seguenti) e almeno 8-9.000 uomini dispersi o catturati.
Cifre imponenti, che ne fanno il maggiore scontro militare, per numero di partecipanti, verificatosi in Italia in epoca napoleonica. Porcia fu uno dei punti nevralgici dell’intera battaglia e chiave di volta dello svolgimento tattico della stessa.
La rievocazione vuole ricordare quei tristi momenti, con una rappresentazione che si svolge in parte nel parco di villa Correr Dolfin, dove viene allestito l’accampamento militare, in parte nella zona di santa Ruffina, cornice degli episodi più cruenti e in parte nel centro storico di Porcia.
I protagonisti di tali eventi sono i Reenactors, letteralmente “Ricostruttori”: coloro che rivivono la storia e la ricreano nel presente come in un grande set all'aperto, in una rappresentazione scenica che deve seguire fedelmente il copione di ciò che accadde secoli or sono. “Arruolati” solo su base volontaria, i “Reenactors” sono addestrati alla perfezione, sulla scorta dei manuali militari d'epoca, capaci perfino di confezionarsi da soli le cartucce con la polvere nera e di usare i fucili ad avancarica (perfettamente riprodotti e sparanti) come provetti veterani.
Il loro scopo è quella di mostrare com'era la vita dei soldati di allora: le divise sono una riproduzione perfetta, perfino nelle imperfezioni, il cibo e le scomodità, come il giaciglio di paglia, sono quelle del Sette-Ottocento. Anche gli oggetti di uso quotidiano sono solo quelli che i soldati potevano portare con sé.
Da decenni attivi negli Stati Uniti, dove ad esempio sono stati massicciamente impiegati anche in pellicole come “Glory”, “Gettysburg”, “Balla coi lupi” etc. e dove godono di grande seguito, in Europa sono coordinati da alcune grandi organizzazioni, come la francese "Grande Armée" o l'Ens (Associazione napoleonica europea), che raggruppa reparti dall'Inghilterra alla Russia a sino a Malta. Una sorta di Comunità Europea del “Reenactement”.

Foto di Loris Golin (Circolo Fotografico “La finestra”)

 

Comune Porcia
Consorzio Proloco Meduna Livenza
Comitato regionale FVG dell'UNPLI